ARTABAN 0001 R e1452769727394

Fiabe e novelle dedicate ai bimbi che stanno di fuori, figli e nipoti che stanno al di là delle sbarre. Non soltanto uno strumento culturale di intrattenimento o svago, ma una vera e propria chiave per aprire una porta, quella della fantasia che mette in connessione i due mondi, quello di chi sta dentro a pagare il suo debito con la giustizia e quello di chi invece vive in libertà.

Il concorso nazionale “Le favole di Artaban” si è concluso lo scorso 6 novembre; grazie a questo progetto dell’omonima onlus torinese, con la collaborazione dell’amministrazione penitenziaria del Ministero della Giustizia (DAP), è stato realizzato “Al di là delle sbarre, una storia”, un volume che contiene racconti scritti da persone detenute, provenienti da tutto il territorio nazionale. Di Artaban è vice presidente il nostro associato (e presidente di CNA Comunicazione Piemonte) Andrea Maino che si prodiga con le sue energie e risorse a numerose iniziative di solidali come questa.

Il presidente di Artaban Roberto Veglia, nella sua prefazione al libro spiega: «con questa iniziativa non abbiamo solo voluto riconoscere le qualità artistiche e di scrittura dei carcerati, incentivandoli comunque ad affrontare un’attività inusuale. Il nostro obiettivo era quello difavorire la nascita o il consolidamento di rapporti tra chi vive oltre le sbarre ed i propri figli o nipoti. Un rapporto nuovo, non legato soltanto a fugaci incontri in un contesto necessariamente non famigliare. Ma la creazione di un ponte costruito sulla fantasia. Un modo per riprendere contatti interrotti o per proseguirli».

A vincere il concorso è stato Abramo Corsano, del carcere di Verbania, con “Popi, Minini e le leggi dell’Universo”. Mentre gli altri premiati sono stati: Giuseppe Costantino con “Passeggiando tra le nuvole”, Giuseppe Efisio Allegria con “Antonello”, il moldavo Vladislav Rusu con “Ecolandia – Il regno magico” e Michele Maggio con “Ororo e R.U.F.U.S, viaggiatori del tempo”.

«Chi sta in carcere – scrive il presidente della giuria Augusto Grandi, nella sua introduzione alla raccolta di racconti – al netto degli errori giudiziari, qualcosa di sbagliato ha commesso. Ma chi sbaglia non sempre ha un cuore di pietra, non sempre è privo di sensibilità, di tenerezze, di affetti. Un’analisi assolutamente banale e scontata. Troppo spesso, però, si confonde lo sbaglio, l’errore con un’indole generale del colpevole».

Si possono richiedere copie del volume (€ 16,50 l’uno, spese postali incluse) via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. dietro versamento dell’importo indicato:
su c/c postale 001019813169 ARTABAN Onlus
oppure sul c/c bancario IT18 I076 0101 0000 0101 9813 169
intestati ad Artaban Onlus, via Brindisi 9 – 10152, Torino
(indicando la causale “Offerta iniziative carcerarie”).

Tutto il ricavato dell’iniziativa sarà reinvestito per sostenere il progetto.
http://www.artaban-onlus.org/

Artaban è una onlus indipendente che raccoglie in sé persone che provengono da diverse esperienze sia lavorative che di aiuto umanitario: giornalisti, dottori, artisti, imprenditori, pensionati, commercianti, ecc. Opera concretamente contro miseria e povertà in Burkina Faso, Costa d’Avorio, Mali, Ecuador, Perù e Italia.

 

Copyright © 2018 Ossola News. All Rights Reserved. ULTRAVOX SRL Domodossola (VB) P.IVA 02344090036

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information