Che apparecchi elettronici o manuali possono aiutarci, nonostante tutte le nostre precauzioni, a cercare di salvare la pelle (nostra o dei nostri compagni) in caso di valanga ?

A.R.T.VA (Apparecchio Ricerca Travolti VAlanga) : il sistema radio che permette di essere trovati e di cercare un sepolto.
Quando lo si accende l' ARTVA si posiziona automaticamente in fase di trasmissione, trasmettendo un segnale "circolare" sulla frequenza dei 457 Mhz e con un raggio dai 20 ai 50 metri (a seconda dell' apparecchio e della conformazione del terreno).
Nel momento che si deve ricercare un travolto, lo si commuta attraverso un bottone da Trasmissione a Ricezione.
Una volta agganciato il segnale del sepolto, che naturalmente ha l' ARTVA in trasmissione, il nostro apparecchio ci portera' sopra di lui.

Non farò qui una guida sull’ utilizzo, in quanto in rete ci sono milioni di pagine per questo, ma vi elencherò le varie tipologie di apparecchiature in commercio.

Il consiglio e' di INDOSSARLO SEMPRE, in qualsiasi situazione, anche nelle gite "facili" perche' puo' essere che pur essendo noi in totale sicurezza, qualcun' altro piu' in alto nel pendio puo' far staccare e mettere noi nei pasticci seri.

Gli ARTVA sono suddivisi in tre grandi famiglie :

  • Analogico
  • Digitale
  • Digitale/Analogico

ANALOGICO : Alcuni espertissimi ancora ne preferiscono l' uso, perche' molto preciso ma e' di difficile utilizzo, in quanto si segue un suono (BIP) senza nessun aiuto visivo sull’ apparecchio  e si lavora di fino sull’ intensita’ del segnale, filtrandolo e abbassandolo man mano che ci avviciniamo al sepolto.

Lo sconsiglio vivamente ai neofiti, in quanto molto difficile da utilizzare.

DIGITALE : I Digitali sono stati studiati per eliminare le limitazioni di utilizzo dell’ Analogico, inserendo un display che ci indica, in fase di ricerca, la direzione e la distanza dal sepolto e se ci sono più sepolti.
In pratica, in modalità ricerca, una volta agganciato il segnale del sepolto, sul display una freccia indica la direzione in cui muoverci e un numero indica la distanza dal sepolto.

DIGITALE/ANALOGICO : unisce le caratterischi dei precedenti lasciando all' operatore la scelta se utilizzare il digitale o l' analogico. In alcuni casi in Analogico e' piu' facile "sentire" il segnale in caso di segnali deboli e nella ricerca finale (1 metro) e' piu' preciso.

 

schermo arva

 

 

 

 

Questo schermo ci indica che :

  • Numero sepolti :  un solo sepolto
  • Distanza : circa 18 metri 
  • Posizione : davanti a noi, leggermente sulla nostra sinistra

 

 

 

 

 Oltre alla famiglia, molta differenza la fa’ il numero di antenne di cui e’ dotato l’ apparecchio :

  • con tre antenne, la triangolazione del segnale ricevuto e’ piu’ precisa e cio’ permette una piu’ sicura e veloce ricerca
  • con due o una antenna, la triangolazione viene effettuata lo stesso ma con minor precisione e velocita’ (la velocita’ di elaborazione del segnale e’ pero’ anche dovuta al processore interno) e in zone con molti ostacoli (alberi, rocce, cumuli di neve, … ) possono avere dei piccoli problemi

Quindi il consiglio per l’acquisto e' di scegliere un tre antenne digitale, magari non il top di gamma che ha prezzi decisamente piu’ alti rispetto a un tre antenne entry level, ma di evitare i mono antenna anche se hanno prezzi inferiori. La vostra vita o quella del vostro compagno vale piu' di qualche decina di euro di differenza, anche perche' un ARTVA e' un apparecchio che se scelto bene dura almeno dieci anni e non necessita di essere sostituito per moda o per altro.

Unica cosa da sostituire sono le batterie, che devono essere sostituite ogni stagione (non usare le ricaricabili).

Ricordatevi sempre che un ottimo ARTVA a nulla serve se non lo sappiamo usare, quindi non e’ un apparecchio che si compra e all’ occorrenza si usa ma necessita di una continua esercitazione per essere pronti, nel momento di reale utilizzo, ad adoperarlo al massimo delle sue potenzialita’ entro i fatidici 15 minuti di finestra temporale per avere buone possibilita’ di estrarre il sepolto. Ci sono parecchi corsi organizzati da guide, soccorso alpino, Cai e vi consiglio vivamente di parteciparVi.

Naturalmente non sto’ a dirvi che l’ ARTVA non va’ messo nello zaino ma indossato sotto la giacca, lo sapevate gia’, giusto ??

Avere un ARTVA e non avere Pala e Sonda significa … Trovare il sepolto e non poterlo estrarre.

TempoRicerca

Quindi OBBLIGATORIO avere anche questi due attrezzi : la Pala deve essere in metallo (no plastica) e la sonda da almeno 2,40 mt

L' ARTVA DEVE ESSERE SEMPRE INDOSSATO E UTILIZZATO, ANCHE SE USIAMO ALTRI SISTEMI
(ROTAUF, ZAINI AIRBAG, RESPIRATORI, RECCO, ETC.. )

Il sistema ROTAUF

ROTAUF è un altro utilissimo sistema di avvistamento : si tratta di un pallone del diametro di circa 40 cm ed è riposto in una custodia sulla coscia.
In caso di valanga, si estrae il pallone, collegato solidamento al rider con un cavo di 5mt, che si autogonfia e galleggia sulla superfice della valanga.
In caso di seppellimento, al ricercatore basta individuare il pallone e di conseguenza sappiamo gia’ dove e’ il sepolto.
Utilissimo in quanto azzera la fase iniziale di ricerca ARTVA : individuato il pallone, si mette ARTVA in ricerca e ci si dirige verso il pallone e siamo gia’ sopra al sepolto

   Rotauf1  Rotauf2

 

Il Sistema RECCO

Si tratta di una piastrina in uno speciale materiale riflettente che viene individuata da speciali ricevitori in dotazione al Soccorso Alpino e al 118.
Molto preciso e con un buon raggio di azione, rileva uno o piu' sepolti in pochissimo tempo ma necessita' pero' dell' intervento delle squadre di soccorso quindi non puo' essere considerato un sistema di autosoccorso come ARTVA e Rotauf.
La piastrina viene cucita su giacce, pantaloni, capi di abbigliamento tecnico, caschi, scarponi direttamente dal costruttore.

recco1

 

      recco2          recco3

 

BOLLETTINI VALANGHE

Clikkare sulle mappe per bollettini completi e dettagliati

 

Copyright © 2018 Ossola News. All Rights Reserved. ULTRAVOX SRL Domodossola (VB) P.IVA 02344090036

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information