BORGHI CAMERA2

ROMA 15-10-2015 - Non è stata formalizzata alcuna lista delle prefetture che dovrebbero eventualmente chiudere. Lo hanno affermato questa mattina i ministri Alfano e Madia, nel corso dell'incontro con una delegazione di parlamentari Pd dei territori nei quali era stata ventilata l'ipotesi di uno smantellamento degli uffici del Governo. "I due esponenti del Governo -spiegano i parlamentari- hanno dimostrato grande attenzione alle nostre esigenze e a quelle dei territori, dimostrando di voler proseguire l'interlocuzione avviata per trovare una soluzione comune ai vari problemi. È molto significativo che questa volontà di ascolto e dialogo venga espressa in forma congiunta per i due ministeri implicati dirittamente dall'eventualità dei tagli. Intanto accogliamo con favore la notizia che non sia stato stilato alcun elenco ufficiale delle prefetture a rischio chiusura, pertanto anche in questo senso il tavolo rimane aperto". "Durante l'incontro -affermano ancora i deputati democratici-,  abbiamo sottolineato con forza come si possa ragionevolmente valutare di effettuare tagli all'amministrazione centrale e non nei territori, garantendo quindi allo stesso tempo le esigenze di riorganizzazione e quelle di spendig review”. 
Secondo i parlamentari, il taglio delle sedi di cui era stata ipotizzata la chiusura comporterebbe un risparmio di appena 6 milioni, cifra che potrebbe essere oggetto di risparmi nell'intero territorio nazionale e non solo nelle 23 aree di cui sino a oggi si è discusso. 
“Abbiamo evidenziato -osserva l'on. Enrico Borghi, capogruppo Pd in commissione ambiente, territorio e lavori pubblici della Camera - l'importanza del fatto che lo Stato non arretri, ma continui a garantire la sua presenza soprattutto in termini di sicurezza e servizi al cittadino. In tale direzione, a prescindere dalla presenza fisica del Prefetto in un circondario provinciale, occorre costruire un'articolazione della presenza statale sulla base delle effettive esigenze di una comunità territoriale, e in questo ho sollevato il tema delle aree del Bellunese, della Valtellina e del Verbano Cusio Ossola che in forza del loro regime di zone interamente montane e confinanti con Stati esteri necessitano di una risposta peculiare sulla quale l'interlocuzione con il governo proseguirà nei prossimi giorni".

Copyright © 2019 Ossola News. All Rights Reserved. ULTRAVOX SRL Domodossola (VB) P.IVA 02344090036

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information